Sentimento degli italiani dopo il nuovo discorso di Conte/4

Il tema centrale della conferenza stampa del Presidente del Consiglio di domenica 26 aprile è stato quello della fase 2.  Vediamo le reazioni degli italiani a questo discorso, dal quale si attendevano di sapere cosa succederà a partire dal 4 maggio.

Per questo quarto capitolo dell’analisi abbiamo esaminato 5000 tweet con l’hashtag #Covid_19 e altrettanti con l’hashtag #conferenzastampa. 

Figura 1: Wordcloud dell’hashtag #Covid_19.

Le nuvole di parole per entrambi gli hashtag si concentrano sulla parola “fase”, come d’altronde ci si aspettava, ma fanno emergere anche i punti salienti del nuovo decreto. Per l’hashtag #conferenzastampa si nota una maggiore proporzione di parole negative più grande, sinonimo di risentimento verso le continue restrizioni che continuano a persistere per molte categorie di cittadini.

In entrambi i casi, ma soprattutto per l’hashatg #conferenzastampa. il dato più saliente comunque è la scarsa gerarchizzazione delle parole: ciò indica come non si riesca a evidenziare un messaggio chiaro, ma piuttosto emerga un insieme di concetti poco definiti, rispetto a cui non si riesce a prendere posizione. Lo scostamento tra i due cloud è, in questo senso, ancora più significativo: sembrerebbe che gli italiani abbiano comunque le idee più chiare sull’epidemia in quanto tale che sul senso di un discorso del presidente del consiglio destinato a gettare luce sull’evoluzione futura della società in una fase cruciale dell’epidemia.

Figura 2: Wordcloud dell’hashtag #conferenzastampa.

Tornando all’analisi bayesiana dei tweet, abbiamo creato dei gruppi (cluster) di parole per descrivere al meglio le sfaccettature dei pensieri degli italiani. L’analisi ci ha portato a individuare questi topic, cioè argomenti:

Figura 3: Topic dell’hashtag #Covid_19

Un gruppo (identificato dal colore rosso) esprime la speranza che riprenda il campionato di serie A, tema evidentemente molto sentito: proprio il fatto che emerga questo interesse può essere un ulteriore riscontro dell’accettazione della situazione o del senso di passato pericolo, in cui si cerca di tornare alla normalità. Un altro (colore verde) fa emergere la preoccupazione economica di questo periodo, mentre gli altri cluster sono più descrittivi dei temi della conferenza.

Figura 4: Topic con frequenze dell’hashtag #Covid_19

Più nello specifico sono riportate le frequenze (beta) con cui ogni parola appartiene a quel cluster.

Per quanto riguarda l’hashtag #conferenzastampa non sono emersi dei gruppi di parole che potessero darci un’idea del sentimento degli italiani, dato che a emergere sono stati solo i diversi punti del decreto presentato dal Presidente del Consiglio. Anche questo dato può essere interpretato come segnale della scarsa chiarezza della comunicazione.

In conclusione, possiamo notare come rispetto alle altre conferenze gli italiani si trovino più in difficoltà a far emergere i propri pensieri. Fa eccezione il malessere per le categorie di lavoratori costretti a rimanere chiusi fino a giugno, come i parrucchieri, e rimangono persistenti le preoccupazioni economiche.

Info Autore
PhD Student, Università degli Studi Milano Bicocca. Da sempre appassionata della matematica, la statistica è la strada che ho deciso di percorrere per comprendere al meglio il mondo che ci circonda. L’ambito baeysiano è il ramo della ricerca che più mi affascina. Da diversi anni prendo parte a progetti per far avvicinare i ragazzi alle facoltà scientifiche e tengo corsi di statistica in corsi di laurea triennali e magistrali.
×
PhD Student, Università degli Studi Milano Bicocca. Da sempre appassionata della matematica, la statistica è la strada che ho deciso di percorrere per comprendere al meglio il mondo che ci circonda. L’ambito baeysiano è il ramo della ricerca che più mi affascina. Da diversi anni prendo parte a progetti per far avvicinare i ragazzi alle facoltà scientifiche e tengo corsi di statistica in corsi di laurea triennali e magistrali.
Latest Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ridimensiona font
Contrasto