Sentimento degli italiani dopo il nuovo discorso di Conte/3

Il tema centrale della conferenza stampa del Presidente del Consiglio di venerdì 10 aprile è stato il prolungamento del lockdown. Proviamo a vedere come gli italiani come stanno vivendo questa quarantena e cosa provano dopo questo ulteriore prolungamento.

Il terzo capitolo dell’analisi tweet è stato effettuato utilizzando 5000 tweet con l’hashtag #Covid_19 e altrettanti con l’hashtag #conferenzastampa. 

Figura 1: Wordcloud dell’hashtag #Covid_19.

La differenza principale con i tweet esaminati nelle  due indagini precedenti è l’emergere di un sentimento sempre più negativo, a metà tra la rassegnazione e la collera. Questo è ancora più chiaro nel wordcloud relativo all’hashtag #conferenzastampa, in cui  hanno ricevuto grande attenzione le critiche mosse ad alcuni esponenti dell’opposizione che, citando Conte, “diffondono falsità”. Si conferma anche l’interesse per il dibattito europeo.

Figura 2: Wordcloud dell’hashtag #conferenzastampa.

Più nello specifico, abbiamo creato dei gruppi (cluster) di parole per descrivere al meglio le sfaccettature dei pensieri degli italiani. L’analisi ci ha portato ad individuare i seguenti topic, cioè argomenti (relativi a Covid_19 e conferenzastampa).

Ogni topic è associato a un colore differente, il che ci permette di cogliere diversi aspetti:

Figura 3: Topic dell’hashtag #Covid_19

Un gruppo (identificato dal colore rosso) esprime risentimento verso il ministro Gualtieri e le misure approvate dall’Eurogruppo. Un altro (colore verde) raccoglie le preoccupazioni di natura economica, mentre il terzo (in blu) evidenzia l’attenzione alle vittime dell’epidemia ed è dominato da un senso di lutto e perdita. 

Più nello specifico:

Figura 4: Topic con frequenze dell’hashtag #Covid_19.

Più nel dettaglio, la frequenza (“beta”) con cui ogni parola è presente in un dato gruppo, è abbastanza omogenea nei gruppi “verde” e “blu”, mentre in quello rosso prevale l’ostilità al MES e l’urgenza di agire subito (“ora”).

Guardando, invece, i topic relativi all’hashtag #conferenzastampa notiamo come il tema che ha suscitato maggiori attenzioni sia l’attacco alle opposizioni da parte del premier. In questo caso, il gruppo “rosso” riunisce le reazioni ostili a questo attacco, mentre i gruppi “verde” e “blu”, assai più nutriti dal punto di vista delle frequenze, lo appoggiano

Figura 5: Topic dell’hashtag #conferenzastampa.

E più nello specifico:

Figura 6: Topic con frequenze dell’hashtag #conferenzastampa.

Nel complesso, emerge come il risentimento degli italiani stia aumentando dopo un mese di quarantena. I cittadini sono preoccupati per la situazione lavorativa e sono scontenti della gestione economica del problema, tanto a livello nazionale quanto europeo.

Se teniamo in considerazione quanto emerso dai tweet analizzati negli ultimi 20 giorni (24 marzo, 1 aprile e 10 aprile) notiamo una chiara evoluzione del sentimento degli italiani. Il clima di fiducia e di solidarietà lascia spazio all’insoddisfazione e alle preoccupazioni per il domani.

Info Autore
PhD Student, Università degli Studi Milano Bicocca. Da sempre appassionata della matematica, la statistica è la strada che ho deciso di percorrere per comprendere al meglio il mondo che ci circonda. L’ambito baeysiano è il ramo della ricerca che più mi affascina. Da diversi anni prendo parte a progetti per far avvicinare i ragazzi alle facoltà scientifiche e tengo corsi di statistica in corsi di laurea triennali e magistrali.
×
PhD Student, Università degli Studi Milano Bicocca. Da sempre appassionata della matematica, la statistica è la strada che ho deciso di percorrere per comprendere al meglio il mondo che ci circonda. L’ambito baeysiano è il ramo della ricerca che più mi affascina. Da diversi anni prendo parte a progetti per far avvicinare i ragazzi alle facoltà scientifiche e tengo corsi di statistica in corsi di laurea triennali e magistrali.
Latest Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ridimensiona font
Contrasto